Best practice 
Image by rawpixel.com

Quando siete in procinto di affrontare un progetto per un cambio o un upgrade di ERP ripetetevi sempre, come mantra: “Innovare significa non trovarsi mai a dire: abbiamo sempre fatto così”.

Ecco l’ultimo dei consigli di NuBeTech sulle best practice da mettere in opera in fase di progetto per l’implementazione del gestionale aziendale. E sugli errori da evitare.

Alcune best practice e qualche pratica abbandonare

Nei mesi passati abbiamo portato avanti una rubrica dove offrivamo consigli fondati sulla nostra esperienza. Oggi giungiamo all’ultima tappa.

Riguardiamo i sette punti precedenti in breve:

Software selection

Alla base di un progetto ERP c’è, prima di tutto, la scelta del software adatto alle necessità aziendali. Un comitato di selezione, composto sia da decision maker che da persone coinvolte nell’utilizzo dello strumento, richiedono a partner delle demo di prodotto e valutano le diverse opzioni. Tenendo presente il total cost of ownership, che include tutte le attività che un gestionale richiede.

Management commitment

Il management e il top management devono essere necessariamente coinvolti nel processo di selezione, analisi e progettazione dell’architettura dell’ERP. Ciò è fondamentale soprattutto per non avere vuoti decisionali, anche in termini economici, in momenti di criticità.

Change management

Un punto cardine, per quanto sembri scontato, è pianificare il cambiamento, avendo ben presente la necessità di fare formazione agli utenti e verificare attentamente l’infrastruttura tecnologica. Oltre che passare in rassegna i dati e prevedere fasi di test per fare il trasferimento in totale sicurezza.

Aspettative realistiche

In che senso aspettative realistiche? Nel senso che prima di imbarcarsi in un progetto importante è sempre meglio affrontare prima una fase di diagnostica, per avere consapevolezza del punto di partenza ed individuare chiaramente il punto di arrivo, che deve essere coerente con gli obiettivi aziendali. Da non sottovalutare la fase di offerta: è meglio chi dice dei no motivati alle richieste del cliente piuttosto che chi annuisce acriticamente su tutto.

Valutare la competenza

Un buon progetto si fonda sulle persone. Quindi un team affiatato, volenteroso e competente ha tutte le carte in regola per portare un progetto ERP al successo.

Lasciar parlare i decision maker

Un processo decisionale per giungere a buon fine deve essere ben definito e ben informato. Ecco perché i decision maker devono essere anche esperti. E gli esperti devono diventare decision maker. L’autorità funziona poco senza competenza.

Dare ai dati il giusto valore

Un ERP è un gestionale e come tale è costruito attorno ai dati. Pertanto, se i dati non vengono scelti, curati, selezionati a dovere, raramente un progetto ERP sarà funzionale e soddisfacente.

Abbiamo sempre fatto così

L’ultima riflessione che vogliamo portarvi verte sull’abitudine… all’abitudine. Sicuramente un’azienda si costruisce mattone su mattone, con tecniche e processi acquisiti e standardizzati. Tuttavia, è anche buona abitudine – da mantenere, questa – valutare aggiustamenti e modifiche perché la costante nel mercato e nel panorama tecnologico è il cambiamento.

Se in fase di progettazione andate incontro a resistenze motivate dall’affermazione “abbiamo sempre fatto così” saprete allora che spesso una risposta del genere non ha solide fondamenta, ma si regge unicamente sul tentativo di mantenere uno status quo  e limita le effettive possibilità di crescita.

Innovazione o comfort zone?

Innovazione
Image by rawpixel.com

Abbiamo già sottolineato che in fase di diagnostica e in fase di progettazione dell’architettura dell’ERP bisogna valutare attentamente i dati, gli obiettivi e i processi. Sono tre punti fermi che, però, non sono mai immutabili: gli obiettivi possono cambiare, e, a seguire, i dati che servono per il raggiungimento degli stessi. Lo stesso vale per le procedure: cambiano le persone, le strutture fisiche, le infrastrutture, le tecnologie. Quindi, spesso, applicare le modalità che “sono sempre state usate” può causare rallentamenti, perdita o addirittura deformazione di informazioni.

Quindi… se cambiamento dell’ERP deve essere, che porti anche innovazioni e miglioramenti di processo!

NuBeTech è il tuo partner nel cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.