Abbiamo avviato la rubrica: 7 cose da sapere prima di migrare a Dynamics Business Central.

Il primo punto da considerare è:

Eseguire un Upgrade richiede lo stesso approccio di un nuovo progetto

Nel considerare una migrazione di versione ci sono diversi aspetti da considerare e molti sono gli stessi che si ritrovano nel momento in cui si effettua una nuova implementazione di un ERP. Molto dipenderà dalla versione attualmente utilizzata ovvero dalla sua data di rilascio: più datata sarà la versione e maggiore sarà il numero di funzionalità da aggiornare e aggiunte nel corso del tempo. Oltre a questo, bisognerà poi considerare anche le integrazioni, le customizzazioni e gli add-ons che sono stati implementati, tutto questo senza contare che le aziende non sono mai ferme ma si evolvono e si ri-organizzano.

Una migrazione non è un semplice aggiornamento e deve essere approcciato alla stessa stregua di un progetto con tutte le sue componenti e criticità. Tutto questo non per dire che migrare è impossibile o troppo costoso ma che deve essere ragionato e progettato.

Un esempio pratico: da NAV 3.7 a Business Central

Per esempio: una azienda aveva NAV 3.7 fortemente personalizzato con 46 report customs, 620 oggetti customs e 5 add-ons ci ha contattato perché, dovendo adempiere alla fatturazione elettronica, avrebbe dovuto costruire da zero questa funzionalità su campi customs in quanto lo standard era stato completamente stravolto.

Questo per molti sarebbe stato considerato come una installazione impossibile o comunque un progetto molto complesso ma noi di NuBetech ci siamo riusciti in 9 mesi e con un investimento di molto inferiore a quanto ipotizzato dal cliente.

Come? Innanzitutto, abbiamo affrontato questa migrazione come un progetto nuovo adottando un metodo che tenesse conto delle potenzialità di Business Central senza ignorare però le customizzazioni presenti nell’installazione corrente di NAV.

L’assessment: analizzare stato dell’arte ed esigenze

Il processo di assessment che abbiamo perseguito consta di 5 semplici passaggi:

  1. Analisi aggiornata delle Operations del cliente e della copertura funzionale, che viene offerta nativamente in Business Central (congiuntamente all’offering di Microsoft come Power BI e Power App).
  2. Identificare le personalizzazioni e Add-on che devono essere mantenute e migrate in AL come Extensions.
  3. Analizzare i dati storici e prevedere un piano per la migrazione dati.
  4. Considerare tutte le opzioni di implementazione: modalità SaaS, on Azure, Hosted oppure On premise.
  5. Pianificare una timeline di migrazione che può prevedere più step e fasi di implementazione.

Nel prossimo articolo, descriveremo in dettaglio cosa significa migrare le customizzazioni e cosa sono le Extensions, una novità tecnica introdotta con Business Central.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *